Home » Canti dellInnocenza e dellEsperienza: Che mostrano i due contrari stati dellanima umana by William Blake
Canti dellInnocenza e dellEsperienza: Che mostrano i due contrari stati dellanima umana William Blake

Canti dellInnocenza e dellEsperienza: Che mostrano i due contrari stati dellanima umana

William Blake

Published June 4th 2014
ISBN :
Kindle Edition
156 pages
Enter the sum

 About the Book 

‟I Songs of Innocence, i Songs of Experience e le composizioni tratte dal manoscritto di Rossetti sono opera di un uomo dotato di profondo interesse per i sentimenti umani e di profonda conoscenza del loro esplicarsi. I sentimenti vi sono presentatiMore‟I Songs of Innocence, i Songs of Experience e le composizioni tratte dal manoscritto di Rossetti sono opera di un uomo dotato di profondo interesse per i sentimenti umani e di profonda conoscenza del loro esplicarsi. I sentimenti vi sono presentati in forma semplificata al massimo, astratta- tale forma è un esempio delleterna lotta dellarte contro leducazione, dellartista letterario contro il continuo deterioramento del linguaggio. È importante che lartista sia istruito al massimo nella sua arte- ma la sua educazione è tale da essere più ostacolata che incoraggiata dai comuni procedimenti sociali che costituiscono leducazione delluomo comune, poiché i procedimenti comuni consistono soprattutto nellacquisizione di idee impersonali che oscurano quanto veramente siamo e sentiamo, quanto veramente vogliamo e quanto veramente sollecita il nostro interesse. Quel che risulta nocivo, naturalmente, non è tanto la reale quantità di informazioni acquisite quanto il conformismo che il cumulo di cognizioni può imporre… Blake sapeva che cosa lo interessava, e perciò presenta solo lessenziale, o meglio, presenta soltanto ciò che si può presentare e che non ha bisogno di essere spiegato. E poiché non si lasciava distrarre, o turbare, o assorbire da nessun altro interesse, oltre a quello della precisa definizione delle cose, egli capiva. Era nudo, e vedeva luomo nudo, e dal centro del cristallo suo proprio.”T.S. Eliot